Blog: http://orecchioverde.ilcannocchiale.it

Eco-rock


http://www.stampalternativa.it/wordpress/lorecchio-verde-di-gianni-rodari/
http://libro.orecchioverde.it

INSALATA SBAGLIATA

Eco-rock dedicato a Gianni Rodari
Il prossimo concerto e le presentazioni del libro su Gianni Rodari, i resoconti di due spettacoli e una piccola storia straordinaria...

INSALATA SBAGLIATA (da sinistra a destra): Stefano Panzarasa (voce, chitarra acustica), Dario Stabile (tastiera, percussioni), Luigi “Skossa” De Bonis (basso elettrico), Roberto Capotorti (batteria, cajon), Nicola Fornari (chitarra elettrica).

Ecco l’annuncio del concerto e presentazione del libro L'orecchio verde di Gianni Rodari che faremo in campagna a Palombara Sabina, domenica 3 giugno, dalle ore 12.00 presso la “Locanda del Claudione” (via Sabellata, snc – 0774.615099 – 335.7692006) nell’ambito della manifestazione “Resistenza” (pranzo a buffet anche vegetariano e vegano - € 10.)




La Locanda del Claudione

Domenica 20 maggio la band Insalata Sbagliata, ecorock rodariano, si è esibita a Lettere Caffè, a Roma, in Trastevere, un bel caffè letterario nel cuore della capitale e con un bel buffet vegetariano dedicato alla fantasia di Gianni Rodari…




Sabato 26 maggio, sempre a Roma dove invece sono andato da solo, al Parco della Caffarella (Parco dell’Appia Antica), ho partecipato alla giornata in memoria della mia cara amica Silvia Irti, amante della natura, dell’infanzia, vegetariana e infine autrice per il libro “L’orecchio verde di Gianni Rodari” di un articolo riguardante il cd allegato. Ho cantato davanti a un bel pubblico tipicamente rodariano, bambini e bambine, mamme e papà, giovani, nonni e nonne, anziani… presenti anche i genitori di Silvia, suo fratello e sua sorella, proprio una bella famiglia…













Alla fine dello spettacolo ho ringraziato il bel pubblico presente definendolo “rodariano” e c’era un signore molto anziano (poteva avere 80-90 anni almeno - a sinistra nella foto) che ho salutato dicendogli che mi ricordava il “signore con l’orecchio verde” della famosa filastrocca… Lui ha ringraziato e poi finito tutto è… sparito! L’ho cercato, ho chiesto di lui ma nessuno sapeva nulla, come era arrivato? Insomma alla fine una donna presente ha detto che gli aveva sentito dire che era venuto perché era stato un giornalista di Paese Sera, quindi collega e amico di Gianni Rodari…
Stefano Panzarasa

Pubblicato il 30/5/2012 alle 6.48 nella rubrica 2 - L'ORECCHIO VERDE DI GIANNI RODARI - le storie....

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web