Blog: http://orecchioverde.ilcannocchiale.it

Omaggio a Gianni Rodari - Le canzoni dell'Orecchioverde

Omaggio a Gianni Rodari
Le canzoni dell’Orecchio Verde 
e la prima esibizione del trio musicale dedicato al poeta



Ascolto quel che dicono gli alberi e gli uccelli,
le nuvole che passano, i sassi e i ruscelli,
capisco anche i bambini quando dicono cose
che a un orecchio maturo sembrano misteriose…

(Gianni Rodari, da: “Un signore maturo con un orecchio acerbo”, nel testo detto anche “orecchio verde”)


Il 7 dicembre scorso al Palazzo dei Congressi dell’EUR, nello Spazio Ragazzi della Fiera della Piccola e Media Editoria, il Parco dei Monti Lucretili (Ufficio Educazione Ambientale) in collaborazione con la Biblioteca Rodari di Roma e con il Sistema Bibliotecario Romano, alla presenza di Maria Teresa Ferretti, moglie di Gianni Rodari (e anche nel ruolo di “Ambasciatrice del Parco dei Monti Lucretili"), di Mario Di Rienzo, direttore del Centro Studi Rodari di Orvieto e di Piera Costantino, direttrice della Biblioteca Rodari, si è svolto, nella commemorazione del trentennale della scomparsa del famoso poeta, l’incontro “Omaggio a Gianni Rodari – Le canzoni dell’Orecchio Verde”  che ha coinciso con la prima esibizione pubblica del trio dedicato a Gianni Rodari in omaggio al fatto che Rodari stesso da giovane suonava il violino in un trio musicale.



Il trio in omaggio a Gianni Rodari, Roberto Capotortti, Stefano Panzarasa  e Massimiliano Ottaviani




William Urbinati (il mio amico e arrangiatore di alcune mie canzoni, a sinistra), Maria Teresa Ferretti Rodari (al centro) e Mario Di Rienzo (a destra)

Durante l’incontro, in cui è intervenuta anche la nuova Direttrice del Parco, Luciana Distaso, e in una sala gremita di persone di tutte le età, bambine, bambini, adulti e anziani, sono state cantate da Stefano Panzarasa (responsabile dell’Ufficio Educazione Ambientale del Parco), alcune filastrocche eco-pacifiste di Gianni Rodari sulla pace, solidarietà uguaglianza e amore per la natura che fanno parte di uno dei numerosi laboratori di educazione ambientale (il “Coro dell’Orecchio Verde”) che il Parco propone ai bambini e alle bambine delle scuole dell’area protetta.
Gianni Rodari, un ecopacifista, un sognatore...


Piera Costantino, direttrice della Biblioteca Rodari di Roma


Luciana Distaso, attuale direttrice del Parco dei Monti Lucretili

L’incontro, a cui sono arrivati i saluti di Francesco Tonucci (Laboratorio Città dei Bambini), Pino Boero (Università di Genova), Mauro Caldera (già direttore del Parco della Fantasia – Rodari) e Marta Letizia (Agenzia Regionale per i Parchi del Lazio), è stata una bella occasione per presentare il Parco dei Monti Lucretili e le sue attività di educazione ambientale, il blog Orecchioverde ed è anche stata organizzata una degustazione dell’olio biologico del Parco con il pane prodotto nell’ambito del laboratorio permanente di educazione ambientale e alimentare curato da Giuseppina Lodovisi (operatrice del parco) nell’ambito della partecipazione dell’Ufficio Educazione Ambientale alla “Piazza del Contadino” che si svolge prima domenica del mese alla tradizionale Fiera di Osteria Nuova (RI), in collaborazione con il Comune di Frasso Sabino. 






Gianni  Rodari in Russia

Presenti all’incontro anche Vito Consoli (già direttore dell’Agenzia Regionale dei Parchi del Lazio), Angelo Leone (Edizioni Stampa Alternativa), i genitori di Silvia Irti, grande amica del Parco dei Monti Lucretili, recentemente scomparsa e alla quale è stato reso un sentito omaggio, l'insegnate  Daniela Macari e  alcuni  suoi alunni  e alunne venuti dalla scuola S. Giacomo di Nettuno (con i saluti della Preside, Annamaria Cervoni) e, insieme ai suoi genitori e Pia Sgueglia, la sua brava insegnante, Enxhi Mandija, giovanissima studentessa albanese che due anni fa con la sua classe (4° elementare dei Castelli Romani) aveva visitato il Giardino dei Cinque Sensi (area didattica del Parco nel Comune di Licenza) e al ritorno come ringraziamento aveva inviato una sua bella poesia che è stata invitata a leggere per l’occasione, eccola…


Cosa non direi,
cosa non farei
per avere la forma
che oggi vorrei
lasciami scegliere
quale essa sarà
non più di umana
ma di sirena, oplà.


Giseppina Lodovisi (Ufficio Educazione Ambientale del Parco dei Monti Lucretili



Alla manifestazione hanno anche partecipato i musicisti “volontari” Massimiliano Ottaviani (contrabbasso) e Roberto Capotorti (batteria) ed è stata fatta assaggiare da Daniela Cassone la marmellata di ortica citata in un suo famoso racconto “L’Apollonia della marmellata” e preparata per l’occasione dall’Associazione Vivere con Cura. Infine su Youtube è possibile visionare il videoclip amatoriale realizzato da Italo Cassa.

http://www.facebook.com/l/5d0c2e1DBrwphjhmPh9EwZjQ4_A;www.youtube.com/watch?v=56T7iVIeEJM




Angelo Leone (Stampa Alternativa), Stefano Panzaraasa  e Maria Teresa Ferretti  Rodari


A cura di Stefano Panzarasa

Per conoscere il Parco dei Monti Lucretili e le attività di educazione ambientale e formazione ecologica: www.parcolucretili.it (Sezioni "Un modo migliore" e "Audio, video").

Pubblicato il 11/12/2010 alle 10.51 nella rubrica Il trio Orecchioverde.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web